Abito su misura

Tutto quello che devi sapere sull'abito su misura sartoriale

Il lusso, è una parola che viene spesso abusata, usata impropriamente per dare a qualcosa una luce sofisticata o che giustifica un prezzo elevato. La verità è che il vero lusso, è ciò che è fatto appositamente per voi. Sopratutto quando si tratta di un vestito .
Un abito su misura è una seconda pelle, un capo che rispecchia al meglio chi sei perché è stato fatto apposta per te, sia nel gusto che nelle proporzioni.
E vero che costa più di un manufatto standard, ma se fatto bene è un investimento che durerà tutta la vita , quindi è una sorta di investimento nel tempo, a dispetto del modificarsi della moda.

La storia dei capi su misura

Fino a meno di un secolo fa, tutti gli uomini vestivano su misura. Gli abiti erano fatti a mano da mastri artigiani.
Fu nel tardo '500 che Robert Baker fondò la prima attività sartoriale nell'area Piccadilly di Londra - dal nome del "pickadill", un termine elisabettiano per un colletto da camicia e che divenne una icona per la corte del re. Allora gli artigiani si concentravano negli stessi luoghi, e in breve tempo l'area da Jermyn Street a Savile Row, divenne un punto di riferimento .
La sartoria è nata tipicamente inglese - il "tailor" deriva probabilmente da " tailler ", che nel francese dell'epoca significa "tagliare" .

Savile Row , e i suoi dintorni, sono divenuti nel tempo il luogo migliore al mondo per la sartoria maschile, vincendo un'influenza globale tale che la parola giapponese per un abito, ' sabburu ', è una storpiatura del nome della famosa strada.
È stato solo negli anni '50, quando la tecnologia di produzione ha permesso la produzione di abiti su taglia più economici, che le cose sono cambiate. L'abito su misura divenne l'eccezione piuttosto che la normalità: per questo possiamo ringraziare Montague Burton, pioniere e, fondatore dell'omonima catena di negozi e fornitore di divise per la Seconda Guerra Mondiale.
Savile Row è diventata così più un biglietto da visita, nel tempo solo i facoltosi possono permettersi un abito su misura e diventa una sorta di divisa professionale per avvocati, banchieri e business-man.

Perché acquistare su misura?

"In definitiva ci sono solo due motivi per acquistare un abito su misura: per la vestibilità e per la qualità", afferma il sarto di Savile Row, Steven Hitchcock. "Se non sono cose che ti interessano o vuoi qualcosa istantaneamente, l'abito su misura non fa per te. Ma se lo sono, non rimarrai deluso. Questo perché è stato fatto per te e non per 50.000 persone come te."
Mentre molti uomini possono sembrare passabili in un abito standard, non esiste un corpo simmetrico e standardizzato. Il su misura mira a mettere in ombra tutte le peculiarità personali di statura e postura per migliorare l'aspetto generale. "Anche con i corpi standard, c'è qualcosa da migliorare con il su misura".
L'abito su misura dura molto più nel tempo. C'è un esborso iniziale maggiore, ma anche un buon rapporto qualità / prezzo nel lungo periodo. "Tutto nel modo in cui viene realizzato un abito su misura si appoggia all'idea che sarà indossato per molto tempo".
In effetti, un abito su misura richiede l'abilità di diversi esperti - un tagliatore, un sarto, un rifinitore, un stiratore e così via, questo spiega in qualche modo sia il costo della personalizzazione sia la sua longevità.
Gran parte dei dettagli che rende la spesa giustificata sono nascosti all'interno. Il rivestimento interno in tela, che conferisce al vestito su misura la sua forma, sarà indipendente dal tessuto "al contrario di chi usa adesivi" per meglio plasmarsi con il tuo corpo ed è più resistente all'usura. E ci sarà anche un po' di tessuto in eccesso, così il vestito può essere modificato nel tempo se il fisico dovesse aumentare di peso nel corso degli anni.
Forse altrettanto importante per l'appeal dell'abito su misura è il semplice piacere di aver acquistato un'esperienza più ampia. Fare un abito su misura è anche prendere parte alla storia e far parte di una cultura. Qualcuno dice che gli uomini che comprano un vestito di Savile Row lo fanno per snobismo, ma quelli che investono nell'esperienza sono spesso anche degli intenditori di tessuti di qualità e appassionati dell'alta moda maschile.

Il processo

L'abito su misura è un processo collaborativo, la prima volta ci si può trovare un po' imbarazzati sotto l'esame silenzioso della postura, della posizione eretta, della posizione seduta e dell'anatomia, ma è necessario che il sarto realizzi il vestito più adatto a te.
Il processo richiede che tu decida su ogni aspetto della confezione, dal taglio al tessuto, dal tipo di tasca alla posizione. Ma sarai saggiamente consigliato, sia perché ogni sarto ha un proprio stile, non imposto ma favorito, sia perché è quello che fanno i sarti: una valutazione del tuo stile di vita e dei tuoi bisogni, questo aiuta a eliminare opzioni e idee e ad individuare ciò che è meglio per voi.
Per ottenere il miglior risultato, sarai misurato, per permettere a chi taglierà il tessuto di creare la forma base dell'abito che sarà provata nella prima fase di assemblaggio. Successivamente il sarto farà le regolazioni più importanti per ottenere l'abito giusto prima che venga eseguito un secondo (e talvolta anche terzo) montaggio.
Poi arriva l'attesa. Dal primo incontro al capo finito occorrono da due a quattro settimane. Quindi è ovvio che l'abito su misura non è fatto per chi ha fretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *